PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il genio della lampada

E'
una tempesta
Lunare

una silenziosa
agitata
corsa

procedendo
a gittate
nelle bocche in fuoco
dell'anima

l'esangue
filo
mi congiunge
ad un ultimo
universale sangue

fra un sole
dalle suole
sfuocate
ed un immensa
nube densa

a chi
per primo renderà eterna
la bellezza di Nizza

nell'asfissia
del mondo

il risveglio
del desiderio

dei nostri speciali tutelari geni cellulari

scendendo nel buio

in luce
rampo

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anna G. Mormina il 11/01/2010 17:04
    ... scendendo nel buio ritrovo la Luce!!!!... bella, molto bella!
  • giusi boccuni il 10/01/2010 13:10
    le tue parole sono melodia...
  • Anonimo il 10/01/2010 10:37
  • karen tognini il 10/01/2010 10:30

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0