accedi   |   crea nuovo account

Le paure

Abbiamo bambini
li proteggiamo ogni giorno.
Cerchiamo di parlar loro
spiegare quello che succede nel mondo.
Non è semplice far capire ai piccoli
il male che ci circonda,
non bisogna mollare, aspettare
che capiscono ciò che un genitore vuol dire, per difenderli,
non farli soffrire.
È un mondo strano il nostro!
Dovrebbe proteggere donne e bambini,
curarli, invece vengono usati e maltrattati.
Uomini ricchi, benestanti
partono per paesi poveri
non per aiutare ma, per comprare
l'innocenza di bambini venduti dai genitori
per denaro.
Anche qui non è meglio
non sempre sono al sicuro
negli asili, nelle scuole
nelle chiese o nelle proprie case.
I familiari sono i primi a far del male.
Portarli a scuola e non sapere cosa succede,
spaccio, abusi e violenze.
In chiesa
per amare e rispettare Dio ci son preti che abusano di loro.
Preti,
senza punizioni!
Il mondo tace è consapevole
assuefatto alla violenza
accetta la rovina dei nostri figli.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giuseppe Tiloca il 13/01/2010 20:30
    Francesca, in questa poesia io ammiro profondamente quello che hai scritto. È pauroso sapere di questi ricchi ''bastardi'' (è meglio senza virgolette) che vanno l isolo per comprare. E come ti capisco, quando dici che i più piccoli devono capire che i genitori sono li per curarli ed amarli, anche se ti dicono un sacco di cose che sembrano brutte.. brava, veramente brava.
  • Anonimo il 12/01/2010 13:52
    Il mondo è soltanto complice!