PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io e te.

Sillaberemo insieme le rime strane che delineano l’essenza
non scriveremo su questa carta appassita
di celluloide e sogni,
ma volgeremo le penne contro la carne
scoveremo nel sangue
le strofe adorne
dei nostri segreti logori

Diluiremo il dolore sui cuscini gonfi delle nuvole,
coccolerai le mie tempie con le tue intemperie complici
e scuoterò i miei tuoni sui tuoi palmi capaci
che come tronchi millenari
attutiranno questi fragori attesi

E questo vento d’autunno
sarà freddo solo a metà
ed avrà il tuo profumo immaginato
l’aria che annuserò sconfitto
mentre calmo nell’acqua
rifrangerà
il tuo cuore narciso,
specchiandosi su d’un immenso
ruscello immoto.

Ed i silenzi
e le parole
ascoltate, sussurrate e
scritte
avranno il peso leggero della sabbia
e di quel tuo profumo,
immaginato,
che adesso posso respirare appena
offrendo me stesso
alla tua ragione

Ammutinando il mio eco
alla nostra costrizione
alla favolosa alterazione
dei miei desideri
al perentorio No
dei nostri schiavi
che come caparbi regnanti
senza trono
chiosano tributi e
pretendono allitterazioni.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 02/05/2007 09:33
    Questa... me la tengo nel cassetto. Un'ode... sublime. Ci sono passaggi veramente artistici. Bellissima.
  • Anna Lamonaca il 20/03/2007 11:38
    profumi e natura un altrernarsi di note che scandiscono un dolce ricordo!
  • Enrico Boncompagni il 09/12/2006 17:05
    Potente, mi piace il linguaggio che hai usato. Ciao.
  • Dora Millaci il 05/12/2006 14:58
    condivido la definizione già data: dolce e coinvolgente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0