PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diario

Chissà per quali lidi vola il tuo pensiero,
scivola tra le mani lungo il sentiero
fuori quelle mura
al di là dei cimbri e di spruzzi
sugli scogli abbandonati dal vento
nella terra natia.
Non c'è quel presente ora,
nitido sempre
in un foglio, disegno, scarabocchio,
ad ogni passo segnato
da una ferita sulla guancia chiara
che ti allontana da lei.
È solo una goccia
nel dolore...
A nessuno parlerai del sangue
mentre accompagna i suoi battiti,
sogni, paure,
timide risa di una ragazza arrossita
dove non sei tu,
sgorgando lentamente sulle rovine
del domani.
Amore,
come puoi recidere un gelso
aromatico e solo
immerso in una grandinata estiva?
Non vedi che chiunque lo ignora
e calpesta la nuda pietra?
I petali pregni, laceri rassegnati alla morte.
Così noi
all'immenso esistere...

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Aedo il 22/02/2010 19:25
    Manifesti in forma poetica emozioni e sentimenti veramente intensi.
    Ciao
  • Adamo Musella il 31/01/2010 12:45
    I pensieri han bisogno di una casa, per ricordarli nei giorni futuri. brava Nella. baci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0