PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Esasperata Disperazione

Respiro il profumo dell'odio.
Bruciano le case degli illusi.
L'uomo con la pistola seduto nel bagno mi dice che non ha più nulla in cui sperare.
Ma non è ancora il momento di sparare.

Vattene!! Abbandonami ma lascia che sia io a decidere il modo in cui terminare la mia vita.
L'ultimo colloquio con il giullare che ride della mia disperazione.
Mi guardi e non ti rendi conto che io conosco le mille facce dell'esasperazione ripeti sempre le stesse parole,
colpi a salve sparati nel vuoto.
Nel vuoto delle nostre anime, nel vuoto delle nostre teste, nel vuoto del nostro silenzio.
Sono qui, cecchino, sono quì per farmi colpire, cammino a petto nudo sulla tua strada;
attraverso le tue montagne con una grande"X" sul cuore.
mira bene, cecchino, non sbagliare perchè se io ti dovessi trovare di sicuro ti farei inpazzire.
Ti farei provare qualcosa che non è a morte, ma qualcosa di ancora più doloroso.
La follia.
L'uomo seduto nel bagno mi consegna la pistola.
Sarò io decidere il momento in cui sparare!!!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • lupen Luca il 25/12/2010 19:11
    rabbia, odio, rancore sono distrutto! forse è arrivato il momento di sparare! " ma non colpi a salve sparati nel vuoto" un coplp decisivo! e tutto è finito
  • Anonimo il 04/05/2010 23:59
    Molo bella.. il "gioco" tra chi sarà il primo a sparare mi da l'idea di una disperazione sull'orlo della follia...
  • Valentina selva il 26/04/2010 00:35
    tragica, mozzafiato e profondamente rabbiosa e disperata. Bella davvero! vale
  • Anonimo il 05/02/2010 21:57
    La rabbia, l'odio e il rancore fanno male solo a chi li prova... nessun altro ci rimette!! TTolgono la pace interiore e non aiutano a guardarsi dentro con obbiettività, di quello che ci capita noi soli siamo gli artefici e nessun altro e allora verso chi serbare rancore, odio e rabbia?? " .. sarò io a decidere quando sparare.."... dovresti essere tu a decidere di risolvere la situazione che ti fa provare tutte queste cose deleterie... solo per te...
    Mio modesto modo di pensare...
    I versi sono scorrevoli, bella...
  • Marcelllo Barbuscio il 04/02/2010 15:14
    Penso che il nocciolo non sia su chi è che spara o su chi sparerà; il perchè sta nel chiedersi perchè qualcuno arriva su quella soglia di disperazione. Non mettiamoci nemmeno a cercare i colpevoli.. sarebbero talmente tanti che avremmo voglia di farli fuori tutti.
    Il tuo scrivere è forte...
    Marcello
  • lupen Luca il 18/01/2010 12:48
    grazie del commento Gregory!!!
  • Anonimo il 18/01/2010 06:32
    Davvero emozionante.
  • lupen Luca il 17/01/2010 00:07
    grazie per i commenti, mi fa molto piacere perchè c'è molta verità in questa poesia
  • loretta margherita citarei il 13/01/2010 08:08
    una poesia racconto a forti tinte che trasmettono rabbia odio dolore piaciuta
  • Aedo il 12/01/2010 23:41
    Una poesia forte, provocatoria, che vuole mettere in luce l'odio, l'ipocrisia, i veleni presenti nella nostra società, che riesce spesso a creare solitudini... ma forse la nostra forza sta nell'andare al di là della follia e non premere il grilletto. Complimenti!
    Ignazio
  • Andrea Vitali il 12/01/2010 22:22
    Ognuno è responsabile delle proprie decisioni... E a volte è meglio lasciar scegliere al folle che vive all'interno di ciscuno di noi... Ottima poesia! Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0