accedi   |   crea nuovo account

Illeggibile pianto

Brusco risveglio fra infantili lacrime e
Rotti pianti, di mia Madre!
Pauroso spavento aveva assediato il mio
Cuore e l'intelletto aveva quasi respirato il
Nero cupo profumo della Morte!
Oh madre perchè piangi?
Da lei volano braccia e gambe,
si concepiscono duri colpi
come meteoriti che urtano irraggiungibili
Pianeti e io soffro come un cane senza cibo
ma non piango, compatisco mia Madre per
la sua finta gelosia.
Alza la testa e corri fra nuvole del
Sapere, supera e sconfiggi mari
d'Ignoranza, sii donna e pensa a noi,
i Figli della tua Terra!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 02/05/2011 17:34
    Bellissima
  • Jurjevic Marina il 15/01/2010 00:03
    Ehi.. ma che bella poesia.. per puro caso mi son trovato qua, e adesso ne sono profondamente felice
  • Aedo il 13/01/2010 23:45
    Mi è piaciuta la tua poesia!
    Ciao
    Ignazio
  • Anonimo il 13/01/2010 19:13
    Bella poesia... ben scritta... mi è piaciuta... bravo
  • loretta margherita citarei il 13/01/2010 17:30
    intensa piaciuto io soffro come un cane
  • Anonimo il 13/01/2010 15:44
    Non sempre è così facile essere uomini o donne!
  • karen tognini il 13/01/2010 14:56
    Bellissima...
    la cara mamma...
    diventiamo;
    "noi genitori..
    loro bambini"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0