PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cancelli

ho in me
un inverno senza sole,
lunghi laghi come specchi,
venti ghiacciati,
non ci sono più estati,
più primavere,
non più luce,
solo buio,
freddo,
ghiaccio,
nel mio palazzo vige il silenzio,
nei miei giardini,
splendidi,
fragili,
fiori di cristallo,
chi vorrebbe qui entrare?
nei camini non c'è calore,
nè il cibo ha più sapore,
e la notte qui è eterna,
nessuno può,
nessuno vuol entrare,
nessuno può varcare i cancelli del mio regno.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 13/09/2008 17:44
    Questa è il mio genere..
    sofferenza che taglia, parole affilate che lacerano un'anima inquieta...
    ciao Complimenti
    Angelica
  • antonio sammaritano il 07/12/2006 16:29
    PIENAMENTE D'ACCORDO SU TUTTO... MI CI VEDO... CHE ALTRO POTER DIRE?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0