PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ho il coraggio di denunciare

Belle stupende
omelie,
sciolte
come campane in festa,
inneggiano alla fratellanza,
all'accoglienza
della persone
che cercano
nel nostro
paese,
un futuro migliore.
Campane a morte,
rintoccano nel deserto,
cantando il silenzio
che non denuncia,
la sorte amare,
dei rimpatriati,
espulsi perché clandestini.
Inorridita da tanta crudeltà,
mi domando,
che senso ha,
invitare
all'accoglienza,
a far capire il valore
di una vita,
se poi si tace,
di fronte alla malvagità
di un dittatore,
che pur percependo
il nostro danaro pubblico,
costringe i rimpatriati,
senza acqua, né cibo,
ad una morte orribile
nel deserto,
frontiera per il ritorno
a casa.
Credo in Dio,
padre per tutti
gli uomini,
che in egual misura
tutti ama,
tappi di cera
negli orecchi,
non voglio sentir più
ipocrite, belle, terrene parole.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Fabio Mancini il 20/01/2010 19:00
    Come sai le stragi del deserto fanno parte degli accordi bilaterali tra Italia e Libia, firmati dal nostro presidente del consiglio in terra libica. La spinta è dunque nata dal nostro governo che mi sembra tutto meno che amorevole, anche se si dichiara cattolico. Forse non dovremmo tanto credere alle dichiarazioni che vengono fatte, quanto piuttosto dovremmo annotare i comportamenti e le scelte politiche. Ancora una volta per soddisfare le richieste della Lega (poi dicono che non sono razzisti) vengono compiuti degli omicidi orrendi contro l'umanità. Ma noi italiani siamo salvi. Tanto è Ghedaffi che li compie! Un bacio, Fabio.
  • Cinzia&Donato A4Mani il 15/01/2010 22:57
    Brava Lò sempre sensibile.
  • Aedo il 15/01/2010 19:19
    Condivido pienamente il tuo pensiero. La tolleranza zero dovrebbe essere solo per i comportamenti razzisti e prevaricatori dei diritti umani.
    Ignazio
  • Anonimo il 15/01/2010 17:26
    Purtroppo è il soldo che muove tutto e tutti ed anche le denunce rimangono semplicemente carta straccia! Un commento amaro per una più amara realtà.
  • Anonimo il 15/01/2010 14:57
    Mi accodo e partecipo a questa denuncia... purtroppo è stato votato e penso che non è tanto lui che mi spaventa ma i connazionali che gli hanno dato questo potere.. di cui lui abusa alla grande!!
    È questo che secondo me è triste... il non rendersi conto che l'Italia va giù mentre lui va su!!!
    Un abbraccio a tutti...
  • giusi boccuni il 15/01/2010 14:48
    si, una nota davvero dolente nella vita dell'umanità, questa bruttura legittimata... ma fra le parole dette non ci sono solo quelle di chi parla per mostrarsi e reclutare voti o proseliti, ci sono anche le parole, come le tue, di chi sente e condivide il dolore e l'orrore, e denuncia il problema... queste parole devono continuare
  • cesare righi il 15/01/2010 14:36
    Qualsiasi cosa si tenti di fare, il processo è irreversibile. Vi è un unica terra, di tutti.
    Poi vi sono gli "stronzi" scusa l'eufemismo, che parlano... parlano... parlano... per fare spettacolo o per accappararsi voti
    intanto europei, africani, asiatici, ecc... soffrono e muoiono

    che schifo!
  • Vincenzo Capitanucci il 15/01/2010 11:43
    Immigrati
    x favore
    non lasciateci soli
    con gli italiani...

    un cartello apparso su Fb..

    bravissima Loretta...
  • ANNA MARIA CONSOLO il 15/01/2010 11:25
    Purtroppo siamo bravi a lottare per un crocifisso tolto senza che ci sfiori il pensiero che Gesù lascerebbe volentieri qualsiasi muro per amore... possiamo anche pregare...
  • Auro Lezzi il 15/01/2010 10:38
    Stupendamente detto... Una denuncia che sostengo in pieno... Contro tutti i nostrani politici che accolgono con onore sto buffone assassino... Brava Lorella...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0