username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Musica

Alle narici giunse come uno schiaffo in pieno viso
un sentore a metà tra i narcisi e le stanze abbandonate da troppo tempo
qualcosa che aveva a che fae con i fiori recisi, e le mele cadute alle radici degli alberi per il troppo vento
quel profumo che accompagna la morte, quasi a farsi disperatamente amare.
Il capogiro che incornicia tutti i sogni di una vita, appesi a mille fili a dondolare tra le speranze taciute e i rimpianti soffocati.
Era la malinconia dell'estate, e il sole a morire sempre più puntuale, e i giochi da bambini, e gli occhi vibranti di pianto per le nostre piccole sciocchezze.
Annegare nei mari dimenticati dal sole, solamente questo amo.
La luna, le stelle, le distese più chiare,
non hanno mai sposato i canti dei poeti come l'oscillare lento e musicale delle note dolorose del cuore.
Amare, morire, fedelmente asserviti a quel mucchio di polveri facilmente infiammabili.
Tento d'ammansire quel piccolo cucciolo arrabbiato che deciderà le mie sorti.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Donato Delfin8 il 18/01/2010 15:29
    Belle riflessioni e ottime immagini.
    Piaciuta
  • Salvatore Ferranti il 16/01/2010 18:34
    una bella riflessione. complimenti
  • Anonimo il 16/01/2010 17:51
    bellissima spiegazione di malinconia. ciao Salva.
  • loretta margherita citarei il 16/01/2010 15:42
    belle riflessioni, si sente l'inquetudine dello spirito, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0