username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Metalmeccanicamente

Quante settimane masticate
come sigarette consumate
tra i movimenti automatici
delle macchine a controllo numerico
e le nostre vene asfaltate
sotto pelle come metropolitane
sono solo tangenziali
che nelle domeniche annoiate
ci portano lontano
dentro i centri commerciali

e quante albe metalmeccaniche
aspettando che il sole tramonti
dietro il profilo delle fabbriche
mentre rondini malate
senza primavera
vagano disorientate
in un cielo in cancrena

Quante auto in sosta vietata
aspettano di essere rimosse
sotto lo sguardo distratto
della noia che ci resta addosso
come questi muri di cemento
e questa voglia di partire per poi avere nostalgia
mentre gli impianti a ciclo continuo
continuano a produrre giorni feriali
da consumare stando sempre attenti
agli effetti collaterali

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • silvia giatti il 21/02/2011 16:52
    stupenda sentita vera... val la pena d metterla in preferiti
  • Anonimo il 07/02/2010 12:08
    ben scritta, riproduce bene la nostra realtà!
  • loretta margherita citarei il 17/01/2010 19:47
    ottima poesia scritta veramente bene

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0