accedi   |   crea nuovo account

Europa

Lo Mazzini nostro
ancor
che l'Italia
fia,
già
l'Europa
veder,
come unica nazion,
senza
conto tener
che li costum
accostar
nun fia.
La stessa pecca
non più benevola
lo Schuman
fia,
pur storto
valutato
lo Padre
de 'na Europa
che futuro
nun abe.
E chi
macchiar
codesto foglio
co' la su' penna,
sappiate
che
li popoli tutti
amar et rispettar,
augurando lor
d'esser liberi
de li pensier
e de
le identità proprie,
che l'Altissimo
e li lunghi
anni
de storia
loro dar.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 17/01/2010 19:30
    Piaciuta questa uniopne di identità diverse in un reciproco rispetto.
  • loretta margherita citarei il 17/01/2010 15:45
    speriamo di riaverrla noi la libertà di espressione piacita pompeo
  • alice costa il 17/01/2010 10:50
    .. bel ricordo storico... un Mazzini che vedeva un'Europa unita quando ancor l'Italia non lo era...
    la libertà di un popolo è fondamentale...
    bellissima riflessione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0