accedi   |   crea nuovo account

Vertigine

Il senso di vertigine
ti solleva e toglie il fiato.
Non hai forma nè colore.
Sei trasparente,
liquido ed incostante nel rantolo di un respiro.
La mano posata sullo stomaco
sfiora la stoffa a quadri del divano.
Non ci sei e senti il vuoto
che non hai lasciato.
Piove ancora e la ragione
è crudelmente lucida
come il voto rosso scarabocchiato
lasciato nell'angolo del foglio.
I pensieri riposano,
ti osservano
raggomitolati su loro stessi.
Nel silenzio ti rendi conto che è tutto inutile,
tutto è incompletamente saturo del nulla.
Distrarti, temporeggiare
attendere qualcosa di grande ed appagante
disorienta ed umilia la tua consapevolezza.
Il fuoco è solo aria che ruggisce
L'arcobaleno solo chiacchiere colorite
tra l'acqua ed il sole lontano,
le tue labbra una
sala d'aspetto per il mio spirito inquieto.
Un altro giro,
un'altra corsa
in questo folle Luna Park.
Ci sarai ancora ad aspettarmi?
Mi riabbraccerai ancora all'uscita dei miei occhi?
La musica, le luci, le vibrazioni
il battito del cuore
mi confondono
perdo il senso del tempo.
La testa gira ancora e la ruota panoramica è spenta
ci ho lasciato appesi i sogni e le nostre foto sfocate.
Ti cerco tra la folla ma non ti trovo
Troppo piccolo per un altro viaggio,
troppo stanco per rincorrere un'altra notte.
La testa gira e ti cerco
tra le facce che ho cancellato.

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/04/2012 09:58
    splendida poesia complimenti angelo

5 commenti:

  • Simone Scienza il 15/03/2012 00:02
    tutto perde sostanza, contorno, il vuoto ingombra vanificando pensieri e azioni,
    mentre lacrime ringraziano a malincuore la dimenticanza!
    Opera strappata dalla sofferenza... molto bella
  • Anonimo il 12/03/2012 21:34
    ... un filo teso attraverso cui equilibristi della mia infanzia mi facevano trattenere il fiato e sospendere i battiti scontati del cuore, un attrazione la loro, per racimolare pane e una preghiera, la mia, per quella vertigine che già mi apparteneva... quel senso di vuoto che già l'amore mi aveva insegnato...
    Bellissima Angelo!
  • Raggio Di Luna il 05/10/2011 18:46
    la vita ti prende e trascina in una vertigine.. a volte questa ti inebria, altre ti fa sprofondare in un oscuro abisso.. ma prima o poi da questo si risale. e comincia un altra corsa...
  • Anonimo il 17/01/2010 22:13
    Poesia intensamente partecipata e ben costruita
  • loretta margherita citarei il 17/01/2010 15:24
    intensa piena di emozioni ben scritte