PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Musica

Stamattina,
ancorata al sedile del treno
che correva nella nebbia,
ho lasciato che l'organo hammond dei Procol Harum
mi entrasse nelle orecchie.
Senza difesa, senza pretese.
E come sempre la musica ha fatto il miracolo.
Pozzo infinito di sollievo.
Quando voglio, posso sempre immergermi
e il sangue si scalda nelle vene,
e i pensieri sfumano nelle nuvole che corrono nel cielo.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Alessandro Cancian il 20/06/2008 16:29
    molto bella e musicale. la frase finale mi ha colpito per la sua dolcezza di pittore
  • Roberta Nestola il 08/04/2008 14:17
    Mentre leggevo la poesia ho sentito la musica nelle parole, molto bella, complimenti!
  • Luca Calabrese il 13/01/2007 12:41
    Anche a me la musica fa sognare... leggi qualche mia opera... ciao...
  • Pino Sozio il 08/01/2007 21:51
    Qualcuno ha detto che non c'è poesia... invece c'è eccome! La musica che ci penetra dentro "senza difese"... il sangue che "si scalda nelle vene"... ma i miei complimenti maggiori vanno alla tua intuizione, tutta poetica e musicale ad un tempo, di ciò che il vecchio caro Hammond può provocare... spezzare gli indugi ed esser pronti a volare... complimenti ancora
  • Dora Millaci il 02/01/2007 13:18
    non c'è poesia
  • antonio sammaritano il 07/12/2006 16:26
    INTENSO SGUARDO INTROSPETTIVO SENZA ECCESSI DI RETORICA.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0