accedi   |   crea nuovo account

Anniversario

Tutt'a notte a stà scetate
pe te scriver'e penzieri
ca mmè suggerisce o Core.
Sò penzieri ca s'affollano,
vonn'addiventà parole,
e dimane, Vita Mia,
nunn'appena spont'o Sole
truov'o lietto chin'e Rose
e o fuglietto e stà Poesia.

Sò passat'quarant'anni!
Sò vulat'quarant'anni!

Si a memoria nun'm'inganna
chillu jorno, a inizio e ll'anno,
n'ziem'a na cumpagna Toia,
passiggiav'pà Marina.

Era na jurnata e Sole
cu nu cielo Azzurro e chiaro,
nu prufummo fort'e mare
dint'all'aria, doce doce.
Te guardaie,
me guardaste;
e fu ammore a primma vista.

Sò passat'quarant'anni,
chill'ammore e giuventù
m'è rimast'dint'o core.
Quarant'anni chin'e sole,
Tu prufum'ancora e mare
e ll'ammore è sempe doce.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ezio Grieco il 04/02/2010 00:31
    .. grazie amici cari... questa piace pure a me.
    cl
  • loretta margherita citarei il 18/01/2010 19:03
    bellissima dedica tieni o core 'mammurato un bacio amico caro
  • Anonimo il 18/01/2010 14:18
    Amore duraturo crea meravigliosa dedica. Bravissimo Ezio
  • Donato Delfin8 il 18/01/2010 11:01
    Che bella dedica.
    Bravo Eziù

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0