accedi   |   crea nuovo account

Nullità di mosse

Sale esile
una marea
chiamata risveglio

Satura di colori
nell'ora
dei lampioni persi

Grigio e blu
accovacciati a spiare

Bianco d'ondate
e giallo che dispera

Vorrei accarezzarlo
questo spazio attorno
per possederlo in ricordo
e ritrovarmi
immagine appagata

Ed invece
mai abbastanza stordito
ripiego le palpebre
in nullità di mosse

Come due finestre annerite
nella marea chiamata risveglio.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • stefano capolongo il 05/04/2007 15:06
    nullità... nullità... 8. bravo!
  • Antonio Pani il 14/12/2006 21:43
    Ammaliante e coinvolgente. Un modo speciale di fotografare un momento comune, ricco della sua unicità ed importanza. A presto.
  • Queen Elizabeth il 13/12/2006 21:51
    molto bravo, complimenti sul serio! quasi perfetta.. c'è solo una cosa che non mi convince, ma è un gusto personale:non trovo molto distacco tra un verso e l'altro... comunque è solo un mio capriccio! molto bella, sì..
  • Ivan Iurato il 09/12/2006 19:11
    ottima la metafora, il risveglio come marea; buona pure la cromatica descrizione di questo spazio che si staglia ai tuoi occhi intorpiditi... molto apprezata. a rileggerti.
  • Ariberto Terragni il 09/12/2006 17:53
    Un canto lieve e denso di significato, quantomai azzeccata la descrizione della marea.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0