accedi   |   crea nuovo account

Chiuso in un cassetto

L'illusione di riuscire
a distrarti dai tuoi pensieri
invece tu li tenevi sempre più stretti,
come se avessi paura a lasciarli andare
nella convinzione che un domani
sarebbero tornati ad esser realtà.

Mentre ti sentivo scivolare via
ho fatto di tutto per trattenerti,
ma più tiravo verso di me,
più ti allontanavi.
Poi è arrivato il giorno in cui
ho dovuto aprire gli occhi
e capire che era solo un sogno.

Era solo uno di quei tanti sogni
da chiudere nel cassetto
con la consapevolezza che
non si avvereranno mai.

Uno di quei tanti sogni
da chiudere nel cassetto
con la consapevolezza
che solo lì potrà esser realtà.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/07/2013 10:58
    Ottima poesia complimenti

15 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 21/09/2016 15:15
    Bella riflessione poetica!
    Decisamente bella!

    ggc
  • Mirka Naldi il 22/04/2010 15:58
    a volte è semplice, altre utopia.. dipende probabilmente dagli stati d'animo..
  • Sergio Fravolini il 21/04/2010 15:48
    Non pensare più ... forse utopia.

    Sergio
  • Mirka Naldi il 22/03/2010 09:24
    anche io.. nonostante a volte senta il bisogno di staccare la spina e non pensare più..
  • denny red. il 20/03/2010 06:25
    io penso..
  • Mirka Naldi il 21/01/2010 15:42
    Bruno, esattamente così, aspettando ho trovato dei sogni decisamente più vicini alla realtà.
    Fulvio, questa "poesia" è l'estratto e l'elaborazione di tante parole scritte per una persona che fin dall'inizio sapevo che non sarebbe diventata realtà. Lo sapevo perchè aveva in mente un'altra, perchè lei era come un fantasma che aleggiava su di noi, e quando mi ha detto che lei era tornata indietro, io sono stata davvero felice per lui, perchè era quello che voleva, e perchè sapevo che era felice. Non so se si riesca a cogliere tutto questo, né il senso che per me queste parole hanno. Non sono io che devo "perdonare" le "persone come te".. non ti conosco e non mi permetterei mai di giudicarti, sei tu, dentro di te, che devi trovare la forza di perdonarti nel momento in cui fai qualcosa che sai che coinvolgerà qualche altra persona.. L'importante è imparare dagli sbagli che si fanno, e non perseverare.
    Anche per me, da queste parole, è passato qualche anno, e questi tristi sentimenti sono solo un lontano ricordo, ma sono consapevole che la vita non sempre va come si vorrebbe, e non è detto che non mi capiti di nuovo di provarli.. Sarò pronta, comunque saprò che prima o poi tutto passa. Grazie Fulvio!
  • Anonimo il 21/01/2010 15:32
    Un tempo fui io a chiudermi, tacere, sottrarmi fino a perdere la persona che avevo amato.
    Allora avevo in mente una canzone che, in inglese diceva"Ti perdono per averTi tradita" e la usai come scusa per trasferire su di lei il mio egoismo e l'ipocrisia di chi sente spegnersi un rapporto e non fa nulla per riaccendere la fiamma.
    Ma le braci c'erano ed hanno bruciato a lungo dentro me.
    la tua poesia triste mi ha messo innanzi ad uno specchio la persona che fui.
    sono passati tanti anni, davvero tanti :ho ritrovato un Amore e mi sono perso in Lei.
    Dagli errori si impara.
    Spero che tu abbia la forza del perdono per le persone come me...
    La trovo crudelmente bella e vera e ti sono vicino,
    Fulvio
  • Anonimo il 20/01/2010 19:26
    Sempre cosi quando qualcosa muore, i sogni si proiettano al futuro, il quale però è incerto. Bisogna solo attendere che per una volta i nostri sogni si assomigliano alla realtà. Piaciuta.
  • Mirka Naldi il 20/01/2010 17:35
    Mi piace vedere come ognuno gli dia un senso diverso.. Quando ho scritto queste parole, sentivo solo un grande senso di fallimento, l'ennesimo fallimento. L'ennesima persona conosciuta nel momento sbagliato. Insomma, un altro pezzo di vita da lasciare per strada. Per questo, rileggendola, riesco comunque a sentire quella negatività che quelle parole rappresentavano, pur appartenendo al passato. Ed è interessante notare come, con uno stato d'animo diverso, si possano leggere in modo differente.

    Grazie Cinzia!
  • Cinzia Gargiulo il 20/01/2010 17:28
    Scusa, ovviamente volevo dire "tuttavia"...
  • Cinzia Gargiulo il 20/01/2010 17:27
    Credo che tutti sognamo il grande amore nella vita e questo sogno nessuno te lo porterà mai via; tuttavi forse "lui"potrebbe essere uno che magari non hai mai considerato perchè eri troppo presa da un altro... Chissà!!
    Vivi e scopri la vita cosa ti dona.
    Bella poesia!
    Un abbraccio...
  • Mirka Naldi il 20/01/2010 17:00
    È un sogno che ho chiuso nel cassetto perchè non aveva più senso portarlo con me
  • Donato Delfin8 il 20/01/2010 16:55
    È un augurio! Mai dire mai no? Anche se un ricordo...
    Un sogno è una speranza, qualcosa a cui non rinunci facilmente
  • Mirka Naldi il 20/01/2010 16:45
    Uhm.. non era proprio questa la mia intenzione, ma è anche vero che ognuno la interpreta a modo suo
  • Donato Delfin8 il 20/01/2010 16:40
    Bella. Un cassetto pieno di speranza.
    Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0