accedi   |   crea nuovo account

Serenata notturna

A te regazzetta
dorce e carina,
in questa notte
de stelle plene
et de luna
a noi vicina
pur rossa
che fia,
in essa
lo vorto tuo
in pleno
mirar
poter,
verbo
nun abe
l'anemo meo
che tarantula
abe.
Pe' quanno
stonato
co' li cumpari
mei musicanti
'na serenata notturna
improvvissar fia
per tia,
che
lieta giunga
a lo core
tuo
come freccia
de Cupido
et lassar
ogni ispirazion
de amor
che fine
mai nun abe,
e trovarti
ogni mattin
al fin
tra le braccia mee
pe' affrontar così
lo incognito
de lo dì
che vene.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 20/01/2010 22:55
    Bella, musicale e significativa!
  • loretta margherita citarei il 20/01/2010 21:34
    bella serenata molto piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0