PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maya

Lettere come stelle. Sillabe come nebbia
lieve o giochi di luna tra i rami.
Vorrei che le mie parole fossero carezze,
e sospiri, e baci... In questa notte
che intreccia finzioni e profumi, cara,
dimmi solo bugie. A bassa voce ti
seguirò nel più labile di tutti i
paradisi, là dove ogni cosa è illusione,
dove gli ori e le gemme sono di cenere
e dove i sentimenti e le gioie non sono
altro che inganno e frode.
Sarò un capriccio segnato nella
linea del destino, sulla tua mano
bianca. Sarai l'amore, perché l'amore
è anche parole. Nelle chiuse
intimità della notte, a volte, solo
il vento accenna ai sogni degli
amanti smarriti.

Agosto-Settembre 1973

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • sara rota il 07/08/2007 18:11
    Carina... non mi è piaciuto però dove definisci i sentimenti e le gioie come inganno e frode.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0