PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non oso alzare lo sguardo

Non oso alzare lo sguardo, no…
Adagio il mio capo sul freddo guanciale:
duro piombo stanotte.
Il mio sguardo è fisso.
Non oso chiudere gli occhi, no…
L’angoscia, implacabile come un soldato dell’Est,
invade il mio cuore.
Non sono nulla, non mi sento nulla, non voglio nulla.
Astraggo il mio essere fuori dal suo habitat
E vedo chi veramente sono.
Piango, ora.
Mi sento una bottiglia vuota gettata in un bidone,
un lurido cartoccio che fatica a rotolare,
uno scempio chiuso in cantina.
Mi sento immondo.
Torna da me e perdona il mio peccato.
Ho chiuso la porta, troppe volte.
Ho creduto di essere grande, troppe volte.
Ho tradito, troppe volte.
Ed il mio caldo bacio si è fermato sulla tua
Guancia, umida per le lacrime.
Umile, mi stai guardando.
Umile, sì, mi amavi nel momento cupo.
Umile, sì, mi sostenevi mentre ti sputavo.
Ora io non sono degno di guardare il tuo volto,
la mia mente non è degna di pensarti.
La mia anima giace ferita in terra ed un grosso
Temporale la investe.
Non oso alzare lo sguardo, no…
Ma ti chiamo, aiutami.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Riccardo Brumana il 12/04/2007 23:49
    non è il mio genere, ma mi piace. il senso di colpa che ti senti lo trasmetti con efficacia.
  • catia sebastiani il 31/01/2007 18:22
    Il Signore è Grande, ci ha insegnato il perdono e ci ha chiesto di perdonare al nostro prossimo. Se perdona Lui dobbiamo saperlo fare anche noi, che siamo suoi figli e discepoli. Bravo. Catia S.
  • Massimo Genovese il 21/01/2007 14:30
    Molto bella, Massimo Genovese complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0