PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come mille anni di donna

Come mille anni di donna,
la casa protegge virtù di marmo
e il volto si fa ruga,
cela nel secco il rumore
del tempo che passa.

(il gallo ha spine di rosa)

Macchine lente, passaggi di fuga
il bianco della polvere era asfalto
per timidi motori dinamici.
Ora il nero scontorna il cielo
e ghiaia frammenta i dialoghi.

Ricordi, il sogno era verde e
tramontava libera fiera nel buio,
fondava città di cobalto
e segnava con mano e parola
la caduta dei nostri pensieri.

(ferisce il vuoto più di spada)

Ruota la ventola dei nostri cuori,
il vento forte la strappa, ne fa briciole
e tu mi guardi, infelice
testimone di un passaggio, chiedi
il motivo di un volto che giace immemore.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 23/01/2010 21:26
    mi è piaciuta, molto. l'incipit è stupendo
  • Anonimo il 22/01/2010 16:01
    Bellissimo questo ritorno al passaato, scritta benissimo.
  • Aedo il 22/01/2010 15:28
    Utilizzando un linguaggio curato, fai un viaggio dentro te stessa e i ricordi: il sogno sembra dileguarsi in un presente privo di illusioni. Brava!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0