accedi   |   crea nuovo account

Paese

Paese...
Quando la neve fioccava
e le vie sparivano
diventando una coltre
e magia non c'era
né estasi,
né tenerezza,
né calore
se non nel candido
cuore di noi,
forse passai per le tue strade.
Forse passammo...
Una mano stringeva quella mia;
i nostri passi stenti
erano grevi.
Primavera lontana...
Quanta forza!
In quel tempo lontano
tu infondevi.

Paese tra vecchie strade
in salita, odorose di formaggio
quando quietavasi il gelo,
forse passai per le tue strade.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 07/02/2010 16:26
    Il termine "paese" deriva dal latino "pagus", dialettale poi "pagensis". Una voce dal tono romantico, che si identifica con borgo, villaggio e si ampia in quello di campagna, territorio. Se ci soffermiamo sul significato di questi, notiamo subito che sono tutti racchiusi nel senso dei versi di Giuseppina Iannello, il profumo di un passato pregno di affascinante semplicità. Un'attrazione antica che non muore a cui si dedica volentieri una poesia.
  • Antonio rea il 25/01/2010 08:00
    Dolce, tenera ed intensa dedica. Ricodi dei tempi andati espressi con bei versi che toccano il cuore come la più dolce delle carezze!! Brava!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0