accedi   |   crea nuovo account

Sergio Ercolano

Ti ricordo ancora, dannato
venti settembre, quel maledetto giorno non volle
più sentire il mio respiro, non volle
più ascoltare nemmeno un mio
sussulto, un filo d'aria, assaggiare una briciola
d'emozione per la strepitante maglia
azzurra che d'amore sparpagliava il mio
cuore.

Squarci di ricordi dominavano la
mia mente, squarci di incubi sognavo
di notte- quando ero ragazzo- un fanciullesco
amore cullava le notti di piena luna, oh luna che
splendevi!? La tua smagliante luce brillava su
reazionarie azioni di sapienti usignoli.

Vedo e rivedo quelle tragiche
visioni, in quella curva riappaiono
gli azzurri serpenti che gettano
sanguinanti veleni e a spegnersi fu
IO! Cariche, cariche, cariche,
fuggi, fuggi, fuggi,
plexiglas, plexiglas, plexiglas,
morte, morte, morte!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 27/01/2010 17:50
    Ricordo confuso il tuo. Ma pur sempre un ricordo, e non si dimenticano i ricordi. Belli o brutti che siano, li classifichiamo sempre nella "scatola dei ricordi" nella mente e nel cuore. A volte gli rispolveriamo! Bravo. 5 stelle meritate
  • francesca cuccia il 23/01/2010 13:22
    Un brutto ricordo scritto col cuore bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0