PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frammenti

Urlo... nell'iperspazio più profondo
da un frammento lacerante di vita,
nel vuoto... nel nulla.. nell'infinito...

Odissea di un millesimale atomo
disciolto nel nulla errabondo,
plasmato tra sangue e urina nel cosmo...

Metamorfosi chimica esoterica
incompresibilmente architettata
nei risvolti dell'inconscio sconosciuto...

Chi volle in ragion d'essere la luce
dal grembo che vulcanizzò del fluido
cosi tanto letalmente umano...

Quale Dio decise per me
insignificante pulviscolo insospettabile
che dalla stratosfera più latente uscì per urlare...

Urlo sì... ancor urlo e ancora urlo
dissacratore umano orsono
per qual prova mi volle in questa vita...

Quale strada perduta nel tempo
è stata decisa per me
senza chiedermi alcun permesso...

Urlo sì... urlo di pazzia
fatta di collera umana tra le croci
che ancor porto senza ragione...

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/11/2012 12:21
    Un testo introspettivo molto significativo e profondo. Belle descrizioni, accompagnate da metafore davvero incisive, completano il valore della pubblicazione. Buona giornata!

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 23/11/2012 13:48
    E se fossimo noi stessi un frammento di Dio?
  • Anonimo il 02/06/2011 11:30
    Frammentata
  • loretta margherita citarei il 23/01/2010 20:55
    è un bel grido di sofferenza piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0