PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il lavoro rende liberi

Ho imparato che privi d'esistenza si può vivere,
l'ho imparato da ombre di corpi umani
emersi da una scena di disperazione,
da un palcoscenico di morte
dove non s'è, ma li abbiamo veduti.

Ho imparato che si può vivere,
denudati e derubati,
senza la storia della tua terra,
senza le radici della tua famiglia,
senza alito di vento che increspi
le maree dei sogni.

Ho imparato che si può vivere
in un lercio saio a righe,
in un paio di spaiati sandali di legno,
in un vagone dove il consunto della morte
non frena la magia che esplode
in canto, in risa, in una preghiera
che è infusione di perdono e ringraziamento.

Ho imparato l'incanto
di una vita senza esistenza
che si affida ad un intimo Dio,
che non sa spiegarti perché
il tuo corpo è deriso e offeso,
perché hai abbandonato la tua casa,
perché anche i piccoli scheletri dei tuoi bambini
devono portare un corpo segnato
da chi volle che foste ombre.

Ho imparato da chi è vissuto senza esistere,
dimenticando di chiedersi perché,
dove, come, quando,
piegato ad una distrazione
piena di giorni senza tempo,
nella pigra assenza di luce,
senza accorgersi del buono e del cattivo,
che le larve poggiate sullo sfacelo,
s'imperniano su questa emulazione d'esistenza
per sfilare alle bocche chiuse
i Cantici dei Padri
e riprendere la Marcia
di un interrotto cammino verso il Segno

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 07/02/2010 18:35
    L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro... degli altri. Scherzo. Bella, la tua poesia. Benvenuto.
    Sabrina.
  • Minalouche TS Elliot il 24/01/2010 21:52
    Una frase beffarda, che li accoglieva all'ingresso dell'inferno concepito, creato da uomini. Manca qualche giorno alla giornata della memoria, una giornata che va sempre più sostenuta, ricordata... perché non si deve dimenticare, per non ripetere gli stessi orrori. Grazie per queste tue toccanti parole.
  • Anonimo il 24/01/2010 20:51
    il lavoro rende liberi, quando ci si dedica ad esso con gioia, non se si è costretti dalla disperazione..

    ci sono bei passaggi, sentiti, anche se ti confesso di non aver ben chiaro quel "Segno"..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0