accedi   |   crea nuovo account

Non ho armi

Lacrime artificiali
fioccano giu’
a collineare le labbra
sfocate di rossetto
mentre nero il rimmel
t’allunga il viso
acerbo e svampito,

così il buio ti macchia
denso gli zigomi,
sulfurei e sapidi,
mentre assorta
osservi un cometa
graffiare silenziosamente
il volto screziato di latte
di questa nuova
luna piena.

e per un istante,
appare pallido l’ovale sublime,
spiovente taglia le ombre senza ragioni
di questa polverosa stanza,
avaro lo sguardo lilla mi sorprende,
e mi sorprendono i capogiri,
i miei sospiri,
i balzi costretti
di mille e più cavalli
impietosi
sul dorso del mio petto.

E m’accorgo che
non ho armi per sedurti, mentre sicura
volteggi sui tuoi cieli
di confettura,
cadendo poi in picchiata su
infallibili ricordi che non m’appartengono.

Si, non ho armi per sedurti,
solo questa spada nuda
d’incanti e parole, forse,
questo scettro senza forma
e colore,
che ostenta sgorbi accennati
e malinconiche viole,

forse solo la luce ingiallita
di questi miei soli,
che declino lento sui tuoi sogni
vanigliati e golosi,
con cui insicuro
incenso la vita
profumandola
di colori amati


Forse, questa lama senza peso
zittirà la strada che conosci
ponendo una lunga linea silenziosa
d’argento rovente
tra la delicata increspatura rosa
delle labbra tue di pesco,
là dove il cielo s’unisce
con la terra disegnando
un elegante gabbiano
di spine e carne
che mozza il fiato.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 24/05/2007 18:00
    Molto passionale le tue liriche, ciao Ivan
  • Dora Millaci il 14/12/2006 10:25
    Calliroe era una donna bellissima, la cui bellezza, però, segnò il destino di tutti quegli uomini che di lei si innamorarono. Di buono aveva, a dire di Caritone, che la descrive, l’essere assennata ed anche fedele al marito Cherea - che oltretutto la maltrattò non poco non credendo alla sua fedeltà-. Una donna perfetta, insomma, vittima solo della cupidigia e dello stupido orgoglio degli uomini. Bella idea dedicarle una poesia…anche se credo che donne così esistano solo nella fantasia maschile. L’ideale sarebbe che ogni uomo potesse vedere nella propria donna le fattezze e le caratteristiche morali di Calliroe. Sempre bravo, Ivan…ed anche colto.
  • Ivan Iurato il 13/12/2006 17:08
    Dedicata a Calliroe, figlia di Ermocrate.
    (perdonate ci sono un paio d'errori, ho gia' provveduto alla correzione ma la redazione non ha ancora esaudito la mia richiesta.)
  • Dora Millaci il 13/12/2006 14:30
    la tua poesia lascia senza fiato!
  • Enrico Boncompagni il 13/12/2006 09:44
    La donna impossibile e lontana...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0