PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Genti

ora che sono un uccello
sto sui rami al sole tiepido
il cielo più vicino più grande
non ho paura dei pericoli del suolo
di animali affamati
di automobili schiacciasassi
il disegno collinare vedo
colori del giorno di ogni stagione
la val d'Orcia un incanto
di ramo in ramo saltello felice
liberato dall'umano fardello
della convivenza politica in armi
la fragilità dei giorni all'orizzonte
genti da qui scorgo che fra loro
solo di amore hanno bisogno
il canto dell'universo
ai raggi del sole in coro

di ramo in ramo saltello felice
il cielo più vicino più grande

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 27/04/2011 11:15
    bella... voli pindarici... che ci aiutano a vivere... anche io nei miei scritti spesso volo... bravo
  • fabio martini il 28/02/2010 05:40
    una poesia tutto natura a suoni quasi onomatopeici... trovata stupenda... bravo ancora
  • Anonimo il 25/01/2010 22:27
    La definirei una poesia della speranza!
  • francesca cuccia il 25/01/2010 12:07
    Bellissimo volo di vita e di speranza molto bella, complimenti.
  • Simone Scienza il 25/01/2010 10:26
    Un inno di libertà e pace. Bella davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0