accedi   |   crea nuovo account

È il mistero della fede?

Avvolta tra i pensieri che nutrono il mio spirito,
mi soffermo ad ascoltare la loro voce e
smarrita fra i sentieri sconosciuti della mia anima,
odo un suono, più melodioso degli altri,
che mi attrae inesorabilmente verso se.
Lo interrogo, chiedo spiegazioni ma
contrariamente a ciò che mi aspetto
l'unica risposta che ricevo
è un armonioso silenzio.
Eppure è un silenzio a cui riesco a dare un nome
seppur mai sentito,
una voce
seppur mai udita,
un volto
seppur mai visto.
È un silenzio che mi culla fra le sue amorevoli braccia
e placa quel senso di imperfezione del mio essere.

 

0
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • pietro luigi crasti visintini il 15/05/2012 05:48
    una riflessività dolce, che ti accompagna per mano, con rispetto fino a giungere al SILENZIO, meraviglioso emblema col quale entrare in contatto con un ambiente di cui non accorgendosene eppure consueto ma disabituati dal recepirlo. Bella per la dolcezza, per la simbologia trovata (silenzio) e per aver appieno indicato il mistero della fede non svelandolo perché impossibile ma indicandolo. Complimenti

8 commenti:

  • Riccardo Brumana il 12/04/2007 23:52
    è bellissima la sensazione di essere in pace col mondo... bella poesia
  • Luigi Lucantoni il 21/01/2007 23:28
    Il bello è che puoi correlare questo mistero con qualsiasi cosa. Se rimane un mistero possiamo tirare fuori infiniti nessi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0