PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Furmine e tuono

Como lo furmine
da lo tuon
seguito
sum
et l'aria squarcia,
ma a niun
paura
nun fia
pecché lo costume
meo
cunoscer
et sotto
li baffi
sgrignar fia
le genti tutte,
amiche
et nemiche.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cesare righi il 25/01/2010 16:38
    sempre simpaticissimi i tuoi versi (ma che vo' dir... sgrinar...?)

    dimenticavo... il tuo commento alla mia ultima di venerdì... sto ancora ridendo.
    ave POMPEO Caesar ti lauda
  • Giuseppe Tiloca il 25/01/2010 15:16
    Mi piacciono questi tuoi versi, davvero bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0