PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Isola Rosa

Nel mare dei sogni,
latidudine terra dei ricordi,
al largo di capo Domani,
c'è l'isola Rosa
che Rosa non è.
Ci si arriva nella fase Rem
e senza aiuto di additivi.

L'approdo è arduo.

Guerrieri muscolosi,
alti belli e biondi,
a guardia nei punti di attracco.
Anime gonfie di solitudine,
di peccati veniali,
di cattiverie in buona fede,
annaspano tra onde
increspate dal soffio purificatore.

Sirene
sdraiate su scogli Rosa
e con le code immerse,
indicano, con canti celestiali,
l'anfràtto in cui approdare.
Non vi è modo di frodare.

Burberi,
armati di tridente
e gatti a nove code,
rigettano in mare
i fautori e fruitori di vite comode
all'insegna di egoistiche vedute
sulla pelle dei Fratelli sprovveduti.

Le urla, i lamenti, i finti pentimenti,
non servono alla bisògna,
le Anime senza vergogna
inesorabilmente
restano a mezza via.
Favola a tinte Rosa,
realtà mera utopia.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ezio Grieco il 07/02/2010 22:51
    Ciao Augusto, era tanto chenon commentavi un mio testo... e che commento...
    cl
  • augusto villa il 05/02/2010 14:56
    Ezio... Complimenti davvero... Una poesia molto, molto bella...
    Bravissimo. ------------------
  • Ezio Grieco il 04/02/2010 00:33
    Ciao cara Loretta, grazie del commento!
    ... ti devo confessare che sono rimasto deluso, mi aspettavo di più per questo post; mhà,
    chi ci capisce è bravo!
    un abbraccio
    cl
  • loretta margherita citarei il 25/01/2010 21:40
    veramente piaciuta, la fase rem, un bacio amico caro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0