PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

AtiV

Appeso ai miei punti interrogativi capovolti
per non cadere nel vuoto della disperazione,
guardo di spalle la fine di questo viaggio
e nulla mi sembra avere un senso.
Come un calendario senza giorni,
il tempo è passato veloce.
Ho creduto di darti amore,
e di riceverne,
ho creduto che i nostri sguardi
non potessero avere fine,
ho creduto che il nostro amore
potesse superare qualsiasi muro
fatto di errori e di frasi non dette,
ho provato a palesare tutto il dolore
che il mio corpo potesse sprigionare,
mentre le ferite delle nostre parole
lasciavano cicatrici nella mente,
ma nulla è servito al tuo cuore,
divenuto solo una macchina senza emozioni...
Ed ora guardando nel cassetto dei miei sogni,
dove custodivo il mio futuro con te,
solo la polvere è rimasta,
a disegnare figure grottesche nel buio...
Un bacio rubato, a pochi metri di distanza
da dove ero rinato,
resterà impresso a fuoco per sempre,
segnando l'inizio di questa mia vita al contrario...

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 02/06/2011 18:14
    Il contrario...
  • Anonimo il 25/01/2010 22:25
    mi piacciono i primi quattro versi e le figure grottesche nel buio
  • loretta margherita citarei il 25/01/2010 21:29
    originale ben scritta piaciuta
  • Anonimo il 25/01/2010 20:32
    è un piacere leggerti..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0