PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sole nero

Percorso indefinito nella labile essenza,
Balbettante discorso confuso nel silenzio
Dell’oscurità senza alcun tempo;
Nero profondo cala tra le palpebre
Una leggera scomparsa dalla realtà
Cela le difficoltà esistenziali che
Si accaniscono irrompendo nel profondo.

Breve scomparire
Lieve tramontare

Un fugace vagare nella desolazione oscura;
Invisibili pareti riflettono il canto degli Dei
Che si dilata lungo il precipizio infinito

Vuoto... Vuoto

Silenzioso vuoto disperso nelle pareti d’ombra;
Ansimanti catacombe si riflettono infinitamente
Tra gli specchi visionari
Illuminanti i resti del Paradiso
Libero volare
Dolce respirare
Posso ora lievitare.

Sole nero illumina il mio viso sconosciuto
E mascheralo lievemente con il tuo fuoco
Eccita il sangue dell’ultima creatura notturna.

Galleria profanamente spaesata
Nella soffice luce nascosta;
Percorre il destino dell’essenza
Travolgendo
Seviziando.

La sbavatura dell’animale scaricato
S’infrange nella lingua infuocata
Dell’intramontabile Sole nero.

Lieve fuoco strazia le mie carni
Adora il mio sperma, splendida creatura
Che il destino ti conduce in sposa a me;
Sacrifica il tuo desiderio di vendetta
E bacia il desiderio di passione.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0