username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se la solitudine

Se la solitudine fa di te una preda
trascinando i tuoi giorni nel suo regno dove muoiono i colori
dal sole grigio
e al silenzio gli manca perfino il suono delle parole e dei pensieri
in un vuoto sordo e cupo
Cercami
nel'angolo più lontano e remoto dei ricordi
sarò li, abbandonata, raggomitolata sotto una lacrima splendente che non si asciuga
partitura di una melodia che non si scorda

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 28/01/2010 13:30
    Non sempre è L'attesa il modo migliore per "guarire", a volte meglio decidere di viversi la propria vita e scordarsi del passato... Comunque complimenti!!!!!
  • Aedo il 26/01/2010 23:59
    La solitudine costituisce un vuoto di emozioni, che cattura l'anima, quando si spengono i residui di una fiammella di vita... E allora solo con un viaggio dentro se stessi, nella memoria, si può ritrovare forza e voglia di ricominciare. Bravissima!
    Ignazio
  • Anonimo il 26/01/2010 18:19
    Splendida chiusa, piaciuta
  • Cinzia Gargiulo il 26/01/2010 17:07
    Bella con un'ottima chiusa.
    Un abbraccio...
  • Anonimo il 26/01/2010 14:23
    La solitudine che si ritrova nella solitudine dei ricordi!
  • suzana Kuqi il 26/01/2010 13:29
    Grazie Vincenzo
  • Vincenzo Capitanucci il 26/01/2010 09:24
    Una perla raggomitolata... sotto una lacrima splendente...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0