PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maledizione divina

So che hai sofferto
amico mio.
È freddo senza amore,
invevitabilmente peccatore
quel sentimento che ti assale.
Io non permetterò di farti soffrire.
Sei la mia maledizione divina,
quella che ogni giorno
pecca e se ne pente.
Rifletti sul
presente e sul futuro come
solo tu sei capace di fare.
Voglio soddisfare tutti
i tuoi desideri,
voglio renderti immortale
ed esente da ogni peccato.
Tu sei il tuono ed io il fulmine
due elementi che distaccati
non avrebbero vita.
Così come le onde
sbriciolano gli scogli con un solo
colpo ogni momento scorre
veloce sulle lancette del mio orologio.
Fermati e cancella il sorriso
di coloro che ti hanno fatto male.
Goditi la vita e leggi cosa c'è scritto
nelle mie labbra.
Hai preso in giro tutti
ma adesso è storia passata.
Imploro il tuo cambiamento.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/02/2016 09:01
    Un plauso dovuto e sincero per questa tua bellissima!

2 commenti:

  • Viky leskj il 26/01/2010 14:18
    eh già speriamo xD
  • loretta margherita citarei il 26/01/2010 13:16
    forte, un po pretenziosa redimere i peccati del tuo amico, deve farlo da solo rendendosene conto del male fatto, piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0