PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SOGNO

Tamburi lontani
io sento
rullare
Inarco il mio corpo
lo ruoto
e in basso lo adagio
e poi
in alto di nuovo
lo porto..
Un ritmo incalzante
che nasce
nel cuore
e batte veloce.
Lo seguo.
Affondo
nel vuoto
l'anca di seta
che docile torna
e
in lunghi meandri
si snoda
seguendo nell’aria
tracciati sognati
rubati a paesi
assolati.
Rimbalzano echi
per tutta la stanza
arabeschi
a colori
tappezzano
il vuoto
la musica
inonda
travolge ogni cosa
il mio corpo
che freme
dipinge una danza..
Si sazia
la gusta
voglioso
e ancora
e ancora
e ancora…
I tuoi occhi
di fuoco...
implorano
che venga
la fine..
Il mio ventre impazzito
lanciato in un ritmo
tribale
conclude la danza
DI COLPO!
La gente seduta a guardare mi batte le mani

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Solieri il 09/09/2014 15:36
    Eccitante, coinvolgente, con luci rosse che s'accendono e si spengono al ritmo di trascinante di una danza di sesso
  • roberto mestrone il 09/06/2007 19:18
    Hai dipinto con voluttuosi colori una danza carica di erotismo; inoltre i versi incalzano come un cadenzato e dolce rullìo di un tamburo che ne esalta la sensualità..
    Brava Patrizia!
    Ro
  • sara rota il 21/03/2007 20:17
    Sembra una scena di sesso focoso e passionale. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0