PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solo un numero

Perché non brucia questo numero
impresso a forza sulla mia pelle
non ho dolore fisico

Nell'anima sì

guardo la cifra e tutto trova una sua logica
7 sono i miei fratelli, o forse erano
2 i miei genitori, bruciati
3 i figli che mi son stati strappati
8 le volte che mi hanno torturato
4 i minuti di vita che mi restano

72384 questo è il mio nome
tutto il resto non conta
perché ora sono solo un ricordo

passato

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Roberta T. il 05/07/2011 12:43
    pelle d'oca.. fantastica...
  • grazia savonelli il 22/02/2011 05:39
    in questa poesia la matematica si abbina all'emozione ed il connubio è esplosivo...
    complimenti
  • karen tognini il 03/02/2010 09:07
    Struggente...
  • Anonimo il 31/01/2010 12:47
    triste la storia, speriamo che mai più accada e che la bontà dell'uomo cancelli per sempre le pazze menti, non meritano perdono per il male fatto ad un'intera popolazione. ciao Cesare un fraterno abbraccio. Salvatore.
  • Don Pompeo Mongiello il 31/01/2010 11:33
    Bellissima poesia, ma spero che non ti ha toccato personalmente.
  • loretta margherita citarei il 27/01/2010 22:15
    purtroppo è stato così, mai più
  • laura marini il 27/01/2010 18:00
    lascia senza parole... con un nodo alla gola
  • Viky D. il 27/01/2010 17:07
    Una voce da quel passato che è solo orrore, e atrocità. Una poesia bellissima, intensa e dolorosa.
  • Cinzia Gargiulo il 27/01/2010 16:03
    Il dolore fisico passa, quello dell'anima resta.
    Poesia profonda che ci aiuta a riflettere.
    Un abbraccio...
  • Anonimo il 27/01/2010 15:13
  • Anonimo il 27/01/2010 14:02
    Un modo originale per ricordare una ferita che lascerà sempre in vista una profonda cicatrice.
  • Vincenzo Capitanucci il 27/01/2010 11:36
    Ferite profonde... incise a fuoco nell'anima del mondo... cercando di ricordare che è un passato... e trovare la pace in noi stessi...

    un caro saluto Cesare...
  • Fabio Mancini il 27/01/2010 10:26
    Resta impressa nella memoria del cuore. Dura, come qualche volta lo è la vita. Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0