accedi   |   crea nuovo account

Fuggire sempre il tutto fuggire nel nulla di noi stessi

Morto il Maestro
fuggite dai discepoli
inquinano la verità
ripetendola
senza veramente conoscerla
non crescono
e non facendo crescere
condannano a morte scura

si cura

Zarathustra appena vide l'ombra di un discepolo
prese una pietra in mano per scacciarlo

voleva veramente bene all'Uomo all'Amore alla dea Eternità

Siddharta incontrato il Buddha
prosegui con la sua coscienza negli errori della sua strada
trovando il suo vero se stesso

ma questi sono solo romanzetti musicati dai doni di insetti volanti

Meglio tornare alle tue gioiose faccende
vecchio lupo della steppa
alle tue facce do mesti che
non vorrai mica conta minare le esplosioni di qualcuno

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 27/01/2010 22:06
    ottima cap, quante Verità del maestro non sono note, non conviene che si sappiano
  • Anna G. Mormina il 27/01/2010 15:21
    ... un Maestro insegna... noi ascoltiamo i suoi insegnamenti... quando il maestro non c'è più, che facciamo?... seguiamo le sue orme o ci dimentichiamo di Lui e ci dedichiamo ad altro?... molto, molto bella... grazie Vincenzo!!!!
  • giuliano cimino il 27/01/2010 14:21
    C'è un mondo dentro e dietro questa opera bellissima.. Complimenti
  • Giuseppe Bellanca il 27/01/2010 12:24
    Anche in questa tua opera si denota la tua Fede ciao caro Vincenzo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0