username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La notte dei fantasmi

Alberi scheletrici, oscillano
nel vento, sotto la luna.
I rumori di un vecchio ciabattino al
lavoro, si odono distintamente provenire
lontano, dai campi lugubri; e strane
grida di bambini che si rincorrono
giocando; e i sussurrati singhiozzi
di una innamorata che soffre, in
compagnia dei ricordi.
Nessuno! La notte è gelida.
Il vento cigola, ciangotta, spazza
i sentieri morti dei campi. Gli
uccelli tacciono. Solo gli alberi
scheletrici dondolano nel vento,
sotto la luna.

Cabianca Inverno 1971-72

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • ELENA MACULA il 02/12/2011 11:55
    i singhiozzi di chi ricorda il perduto amore vero quelli nessuno li sente mai bella e veritiera
  • colonna sonora, foglie e spifferi
  • Anonimo il 27/04/2007 19:54
    Molto bella, complimenti. Ciao
  • NICOLA RICCHITELLI il 26/04/2007 10:56
    molto bella! stile Dark?
  • sara rota il 15/04/2007 17:38
    Una bellissima poesia dallo stile macabro... affascinante
  • allen leonardo il 09/04/2007 19:41
    secondo me la poesia lascia un po' a desiderare.. lo stile non è appropriato al contesto.. sergio sta un po' più attento se vuoin essere considerato un bravo scrittore. lettori (anche tu sergio) andate a leggere i miei racconti.. bye bye
    p. s. comunque era abbastanza accettabile... però è meglio se leggi un po' più di poesie.. perchè il tuo stile mi sembra unpò infantile.
  • Simone Veltroni il 26/03/2007 22:17
    Bella.
  • Nella Bernardi il 18/02/2007 19:38
    molto bella, il fiato trattenuto e altri strani rumori arrivano ancora, mentre ascolti il silenzio dai mille volti, bellissima, ciao Nella
  • simona bertocchi il 30/01/2007 15:30
    La notte che inghiotte tutto e il paesaggio lunare lascia tutto all'immaginazione. Anche il minimo rumore è intenso. Piaciuta.
    Simona
  • Andrea Alfani il 29/01/2007 13:05
    Mi sembra che la poesia sia + che compiuta, infatti evoca un paesaggio suggestivo nel quale si muovono alcuni esseri viventi.
    Ma poi ci si accorge che non c'è nessuno perché si è soli nella notte e sia bambini che uccelli non rappresentano creature ma fantasmi in quanto non entrano in rapporto con chi sta vivendo la notte.
    Bravo, molto suggestiva questa poesia in cui regna un'atmosfera di abbandono.
  • Rudy Mentale il 22/07/2006 15:31
    Intendo dire che l'atmosfera è molto suggestiva e avvolgente, ma trovo che sembri una bella introduzione a qualcosa che non c'è... la scortesia citata era solo relativa a questa sensazione d'incompletezza... ti suggerirei di svilupparla
  • Rudy Mentale il 22/07/2006 15:21
    scusa la scortesia ma leggendo questi versi viene da dire:... e poi?
    Opera incompiuta!
  • ciro la ferola il 27/05/2006 23:29
    gli alberi...
    la vita in essi, la verità in loro.
  • Anna Lamonaca il 27/03/2006 09:32
    romantica... bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0