PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il cammino

Fuorvianti segnali
verso nessun luogo
mi conducono in questo
errante viaggio, che confonde
sosta e cammino
stanchezza e riposo,
e ci confondiamo
su oscure vie perdute
battute da vento e
ricoperte di sabbia, dove
vige il rumore del nulla,
e camminando fra blocchi
di cemento, che non ci
fanno baciare dalla luce
del sole, ormai abbiamo
anche dimenticato cosa
significhi vivere
veramente.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Lilian Fly il 07/05/2010 18:25
    a me è piaciuta moltissimo, la trovo profonda e intensa per un ragazzo così giovane, bravo!
  • fabio martini il 30/01/2010 01:15
    diomio ma questa non ha niente a che fare con la poesia! mi domando se quando postate vi preoccupate di chi dovra' leggere quello che avete scritto?...
  • Anonimo il 29/01/2010 21:45
    le starde della vita sono costellate da pericoli e segnali fuorvianti. A volte è necessario percorrere diverse strade prima d'imboccare il sentiero giusto. Affidati a te stesso, scegli, in cuor tuo sai la via migliore.
    sensibile poesia di un cammino interiore, di ricerca.
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0