PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

É sera

Seduto al tiepido calore
del camino,
mentre all'esterno
s'agita un vento piovorno e strapazzone,
guardo la fiamma
che evolve in forme strane
e le castagne, ferite,
diventan cibo saporito;
un ceppo cade,
una marea di monachine
emigra verso il cielo
in una voluta di fumo.
Mille pensieri affollano la mente,
la mia vita, il passato,
i miei sogni, il tuo volto;
sento un palpito potente,
è solo un momento,
la ragione riprende il sopravvento.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • filippo s ganci il 21/09/2007 00:41
    Si coglie l'emozione dell'autore.
    Piaciuta!
  • Riccardo Brumana il 21/03/2007 10:46
    molto bella, complimenti.
  • Simo Salsera il 18/12/2006 01:40
    Sera d'inverno... davanti al fuoco si riflette... si ricorda... si sorride.. si soffre.
    Il rumore della legna che brucia, il profumo, il calore esalta i ricordi e fa immaginare un caldo
    futuro.
    Sempre coinvolgente ciò che scrivi.(bella).
    Ciao Armando e Buon Natale
    smak Simo
  • Giuseppe Nibbio il 16/12/2006 14:30
    ciao armando, molto bella e ben scritta, il camino un angolo di calore, ricordi gioie e malinconie. Ti auguro buone feste ciao Giuseppe

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0