username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il Tempo della Memoria

Sento ritornare nel vento
urla di bambino
innocui sguardi persi nel gelo
sopra un vetro appannato
e le parole aggrappate le une alle altre
per non disperdersi
a scrivere interminabili righe
lungo i muri glabri delle baracche.

Il reticolato odora di ruggine e sangue
di mani protese
aperte a raccogliere l'ultima luce
d'un sole magro e dilavato.

Questo male che distrugge di dentro
la pietà di un Dio emarginato
impotente nelle camere a gas,
un Dio che muore, insieme, in un mucchio di ossa crocifisse.

Non nascono rose
nei lager dei deportati;
il silenzio dei campi ha il suono del metallo
corrusco.
Gli strazi non hanno pace, né tempo,
neppure reclamano vendetta
ma memoria, quella sì,
eterna.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • fabio martini il 30/01/2010 18:30
    memoria eterna... la tua poesia è bellissima..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0