PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al di là di te, io ti cerco

Fragili le tue labbra
quando accostate al mio udito,
mi bisbigliavi in tedesco:
"beyond denier
ich werde es versuchen"
e toccando con avide mani
cercavi la sorgente delle mie emozioni,
come un'assetata chiedevi saperi,
mentre ti offrivo brevi sapori.
E così: "Al di là di te,
io ti cerco" è diventato prioritario,
specie ora che sei sparita
in qualche giallo, o in qualche fantasia,
lasciando tutto il mondo fuori.
Ed io che per te avevo imparato il tedesco!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Fabio Mancini il 01/02/2010 06:00
    Grazie, Maat. Sei una donna dolcissima! Unica. Ti voglio bene. Fabio.
  • Anonimo il 31/01/2010 23:09
    ... e mi raccomando non smettere di sognare, mai!!
  • Anonimo il 31/01/2010 23:08
    Fabio ti è rimasto il sogno, il desiderio, la conoscenza e il ricordo di quelle avide mani... in più parli tedesco!!
    Bella e alla fine mi hai regalato un sorriso, grazie...
  • giovanna raisso il 31/01/2010 21:38
    "... specie ora che sei sparita.."non rimane che poco tedesco.. ma rimane il sogno..
  • Dolce Sorriso il 31/01/2010 21:02
    solo una parola... sei grande
  • Fabio Mancini il 31/01/2010 20:53
    Grazie, Donato. Fabio.
  • Fabio Mancini il 31/01/2010 20:49
    Ciao, Aurora. Le paure servono a proteggerci, a difenderci dai pericoli che percepiamo come tali. Le nostre paure non sono quindi negative come spesso noi crediamo. Con esse ci dobbiamo convivere, fanno parte del nostro mondo. Sul fronte delle illusioni e dei sogni è più l'uomo che non ne può vivere senza, la religone offre una interpretazione spirituale dell'esistenza, l'opportunità di una seconda vita vicina al Creatore che può suggestionare, interessare, oppure può lasciarci indifferenti, ma comunque è pur sempre un'opportunità. Al di là di te, cara Aurora, potrebbe esserci la tua anima, ma una volta trovata cosa ci farei? L'anima di una persona non si può possedere, il suo corpo sì. Per questo ti dico che sarebbe meglio parlare di "Un al di qua di noi" intendendo la fisicità ed i sentimenti, cose che tutti conosciamo. Se io ti dicessi, cara, Aurora, di amarti al di là di te, starei mentendo consapevolmente, o inconsapevolmente e se tu credessi alle mie parole saresti una ingenua, una sprovveduta. Nel modo in cui noi siamo, viviamo, esistiamo, così percepiamo gli altri ed il mondo che ci circonda. Se siamo sempre più attaccati al nostro mondo e alienati dal mondo reale dell'esistenza, non siamo. Non esistiamo. Ad esempio, se tu parli con un disturbato egli ti dirà che tutta l'umanità è malata. Se invece parli con un Santo, quest'ultimo ti dirà che l'umanità è benedetta dall'amore e dalla grazia di Dio. Due punti di vista completamente diversi, perché diverse sono i sistemi percettivi dei soggetti presi in esame. Spero di averti portata più vicina. Un bacio, Fabio.
  • Donato Delfin8 il 31/01/2010 20:11
    Eine Frau mit Geld kamen Sie auf die zwei Tassen? Geduld.
    Noch gut wie immer!
  • Anonimo il 31/01/2010 19:18
    mi fai pensare,, Cerco di vincere la paura?.. ma c'e davvero qualcosa che mi aiuti ad arrivarci.. quando tutte
    le religioni mi insegnano a pensare a nuovi sogni a nuove illusioni.. ad un altra vita??.. e aldila di cosa io cerco cosa?
    e se dico di essere nulla.. che senso a percipere l'altro che pure e' nulla?... eppure spero e cerco da una
    eternita' un senso che mi spieghi..
    Fabio.. mi sono fermata a pensare.. e questa tua mi porta lontano..
    con affetto..
    aurora
  • loretta margherita citarei il 31/01/2010 18:23
    almeno il tedesco l'hai imparato, piaciuta molto amico caro.
  • fabio martini il 31/01/2010 17:26
    be' almeno qualcosa t'ha lasciato in genere non resta nulla... fm
  • Fabio Mancini il 31/01/2010 16:44
    Al di là di noi, c'è il nulla. Una ricerca inutile, virtuale dunque, perché se non siamo in grado di percepire l'altro, non siamo in grado di "sentire" nemmeno noi stessi. Non esistiamo. Anche questa composizione non ha alcun riferimento ad alcuna esperienza personale, ma è la trasposizione di alcune letture che sto facendo. Non cerco l'eternità attraverso la finitezza della vita, caro Adamo. Cara Amorina, sei simpatica e carina. O forse dovrei dire affascinante? Un bacio Amorina mia. Fabio.
  • Amorina Rojo il 31/01/2010 15:03
    fabietto... perduto amore?... consolati presto, 'un t'abbacchià!... ce n'è di bone pure qui da noi, ti pare... bacetto
  • Adamo Musella il 31/01/2010 13:01
    Gli incontri tutti segnano la nostra anima, e che cosa non facciamo per renderli eterni, le tua parole Fabio il primo passo. bravo come sempre. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0