accedi   |   crea nuovo account

Il canto della pelle

La mia pelle
stanca
senza alibi
ha conservato il tuo respiro
per l'inverno dei suoi giorni

e bianca
come un muro senza anima
aspetta in silenzio
di tornare a vivere

perchè non vi poggi la testa
e rimani ad ascoltare il suo canto?
perchè non ti sdrai su di lei
e coi capelli ne asciughi un po' il pianto?

nelle spire di un sogno ubriaco
già ci siamo specchiati una volta
e detersa l'ebbrezza notturna
la mia pelle è lì ancora che canta

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • paolo rizzotto il 14/12/2014 15:01
    si vive a volte perchè e' quasi inevitabile, ma il corpo inmvecchia. Solo un antico amore potrebbe farci vivere di nuovo veramente...

6 commenti:

  • Francesca La Torre il 25/03/2010 17:48
    Bellissima, quando si ama qualcuno veramente il suo essere rimane sulla nostra pelle e diventa una gioia immensa sentirlo, bravo!
  • Anonimo il 06/02/2010 01:31
    bravo! .. ti ho scoperto grazie a matilde.. felice d'averti letto!
  • Jurjevic Marina il 01/02/2010 01:43
    Mi piace com'è scritta.. mi piace il suono.. bellissima

    perché non ti sdrai su di lei
    e coi capelli ne asciughi un po' il pianto?
  • Anonimo il 31/01/2010 19:44
    Versi controversi ma come si dice, l'importante è il risultato.
  • loretta margherita citarei il 31/01/2010 17:00
    piaciuta molto ben scritta bravo
  • fabio martini il 31/01/2010 16:23
    poesia un po' dalle tinte tenebrose... non male

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0