PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il bisogno dell'uomo e Dio

I miei passi diventano fulgidi
sul nostro sentiero più volte percorso
e dentro di me si realizza nell'attimo
la meravigliosa eternità dei mondi.

Il tuo sorriso risplende contro le foglie appassite
a ricordare che un sole lontano esiste oltre il velo del tempo.

Perché Signore non dovrei piangere
mentre mi brandelli la carne:
forse perché mi prometti un giorno di riaverla
per riconoscermi in coloro che ho amato?

Io sono povero e solo
come il mio spirito
e qui tra le lenzuola bagnate della mia agonia
ti supplico Signore di non togliermi la luce che ho conosciuto,
per sempre.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giuseppe Sparta il 09/03/2010 10:38
    bella, mi è piaciuta davvero, complimenti
  • Anonimo il 01/02/2010 00:00
    e dentro di me si realizza nell'attimo
    la meravigliosa eternità dei mondi... estasi di un attimo senza tempo dove si sviluppa ogni sentimento, a partire dalla notte dei tempi fino ad oggi...
  • loretta margherita citarei il 31/01/2010 21:29
    molto bella intensa profonda piaciuta
  • Anonimo il 31/01/2010 21:17
    Mi è piaciuta Franco. Mi ha colpito tanto quando scrivi "Perché Signore non dovrei piangere mentre mi brandelli la carne"... frase molto forte, che fa pensare, al dolore. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0