username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

In aeroporto

L'aeroporto è pieno di volti
alcuni dalla faccia scura
altri semplicemente distratti
sfogliano un giornale
mentre sorseggiano un aperitivo
senza perdere di vista la valigia
l'aeroporto è affollato
è sempre giorno di partenza
gli arrivi sono al piano di sotto
quì c'è poca allegria
check in che significano
lacrime trattenute a forza
e dolore in fondo al cuore
è terra di nostalgie in arrivo questa
insieme alle lunghe file
in attesa dell'imbarco
una donna ha perso qualcosa
chiama i poliziotti
vuole essere ascoltata
forse è solo una scusa
per rimandare la partenza
forse vuole che la trattengano a forza
forse sono io
che ho interpretato male
il movimento delle sue mani
la signorina annuncia
con voce intonata
il prossimo volo
incita i passeggeri a non perdere tempo
tra trenta minuti
staranno già volando
e non solo col pensiero
saranno ad alta quota
tra i girasoli che crescono
solo lì
tra le nuvole di un cielo
sempre azzurro
sempre più ruffiano
diranno addio
senza dire una parola
forse qualcuno si farà
il segno della croce
ma solo per scaramanzia

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 02/02/2010 16:47
    ... penserei positivo... Piaciutissima Salvatore. Bravo
  • loretta margherita citarei il 01/02/2010 21:44
    belle queste descrizioni dettagliate che fai piaciuta molto
  • una primula il 01/02/2010 21:29
    È tutta bella, ma il finale mi ha emozionato. Bravo
  • francesca cuccia il 01/02/2010 17:05
    Tanti volti amico mio, tanti destini in volo, bellissima.
  • Anonimo il 01/02/2010 16:52
    un po' mi ha fatto venire in mente il film "Terminal", ogni giorno all'aeroporto una folla oceanica, chi va di fretta, per lavoro, chi va in vacanza, chi porta segreto nel cuore un dolore, volti che s'incrociano per pochi istanti.. chissà quali sono i loro pensieri, i loro sogni.
    Hai descritto bene le attese e il viavai di un aeroporto.. poi quando si è lassù, tra le nuvole, magari sogni ancora.
    A me piace di notte, l'aereo, quando le ali s'illuminano.
    bella poesia
  • karen tognini il 01/02/2010 14:26
    O forse.. vanno solo in vacanza..
    e tutto.. in allegria...

    Bravo Salva...
    un abbraccio
    karen
  • Amorina Rojo il 01/02/2010 13:28
    come sempre un quadretto ben dipinto... bacino
  • fabio martini il 01/02/2010 11:40
    oppure finiscono giu di sotto come e' successo ad un aereo la settimana scorsa o al volo airfrance dell'anno scorso... triste faccenda... fm
  • Vincenzo Capitanucci il 01/02/2010 11:39
    Quanti visi differenti in un aereoporto... c'è chi parte in un volo da sogno... chi invece porta la tristezza di un addio...

    Bellissima Salva... sempre attento a tutto... come un bravo Poeta... deve essere... con la sua sensibilità a fior di pelle...
  • Anonimo il 01/02/2010 11:38
    Osservando solo, quante cose si intuiscono... magari alcune persone che finalmente tornano a casa o un sorriso per un viaggio che potrà chiamarsi "speranza"... sempre, sempre si va e si viene ma si lascia o si raggiungono cose belle o brutte...
    Salvatore, bisogna conoscerti per poter giudicare questa poesia...
    alle prossime!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0