PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

¿Ausencia perpetua?:

Mi corazón endeble
no quiere más latidos
desde que comprendió
tu ausencia perpetua.
Estoy aquí como un niño sin consuelo,
quisiera que no fuese real lo que pruebo
pero la tierra reclama tu cuerpo
y yo sigo aquí
fría cuanto un mármol
interrogandole a esta vida corta
que te llevo lejos de mí.

¿De que consuelo es saber que duermes?
Nosotros los que quedamos
así a manos vacias
privandonos de tí
no comprenderemos jamás.
Luchamos para que la chispa no se agote
y no queremos rendirnos nunca.
Una lágrima cae en esta tierra árida,
polvo al polvo...
te busco y ya no estás
pero sè, que mañana despertarás.


---------------------------------------------------------------------

traduzione:

Assenza perpetua?

Il mio cuore fragile
non vuole i suoi battiti
da quando se ne rese conto
della tua assenza perpetua.
E sono qui come un bambino sconsolato,
vorrei che non fosse reale ciò che provo
però la terra reclama il tuo corpo
ed io sono qui
fredda quanto un marmo
interrogando questa vita corta
che ti portò lontano da me.

Ma di quale conforto è sapere che dormi?
noi che restiamo
cosi a mani vuote
privandoci di te
non comprenderemo mai.
lottiamo finche la scintilla non si spenga
e non vogliamo arrenderci mai.
Una lacrima cade in questa terra arida,
polvere alla polvere...
Ti cerco e non ci sei più
però so, che domani ti sveglierai.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Carina Defilipe il 06/04/2010 14:30
    Grazie del complimento Giuliano... Con le illustrazioni siamo solo al inizio, abbiamo tanto da lavorare!!!!
  • giuliano paolini il 05/04/2010 14:39
    oltre a illustrare i libri di mia sorella scrivi ottime poesie
  • Carina Defilipe il 02/02/2010 00:57
    Grazie amici dei complimenti... Penso che tutti in qualche modo ci siamo sentiti cosi davanti a questo addio forzato.
  • Maria Gioia Benacquista il 01/02/2010 16:42
    Quanta tristezza nel cuore!
    Rimanere a mani vuote, sconsolati mentre la terra reclama un corpo che tanto abbiamo amato.
    Laceranti riflessioni... Molto intensa.
    Suscita emozioni forti.
    Bravissima.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/02/2010 16:36
    Estoy aquí como un niño sin consuelo... te busco y ya no estás... però so...

    Molto Bella.. struggente... Carina... y no se puede decir algo mas...
  • Anonimo il 01/02/2010 16:21
    Malinconica tristezza che accompagna sempre un cuore imprigionato. Bella, apprezzata.
  • Donato Delfin8 il 01/02/2010 15:36
    Excelente dedicación.
    Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0