accedi   |   crea nuovo account

Rifiuto

non voglio giocare
tolgo la pila dall'orologio
provo a fermare il tempo
solo un pò
Non voglio giocare
mi fai troppo male
in questo gioco senza regole
mulinelli d'acqua sotto i miei piedi
affondo
non serve urlare
in questo mondo che
non vuol sentire.
Ed il vento sfoglia i giorni
incessantemente
cade la neve anche sui miei capelli
cadono
castelli costruiti ieri
cado
in ginocchio, come una foglia d'autunno

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 11/01/2014 07:42
    Le foglie le rialza solo il vento... Noi possiamo provare la gioia e l'orgoglio di rialzarci da soli. E cambiare strada, scegliendola.
  • Anonimo il 03/02/2010 20:29
    "cado
    in ginocchio, come una foglia d'autunno..."
    rende troppo bene l'idea dell'esser prostrati al dolore e alla nostalgia viva fiamma...
    BELLISSIMA!!!!!
  • Carina Defilipe il 02/02/2010 01:36
    Il vuoto che si prova davanti a un rifiuto deve essere lacerante... ma spesso lo fanno le persone che non ci meritano...
    Il tempo sa ricucire le ferite anche se a volte lasciano cicatrici...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0