username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mia preghiera

Vorrei che la mia preghiera
diventasse una dolce melodia
e si posasse sulle corde di un arpa
il vento poi accarezzandole
diffonda nel cielo una dolce sinfonia.

Vorreoi raccogliere quelle note
e stringerle nella mia mano,
poi lentamente ad una ad una
le farei volare nel firmamento
dove brillano milioni di stelle.

Con il do donerei il mio amore
a tutti quelli non lo conoscono.

Poi con il re vorrei restare accanto
alle persone sole e abbandonate.

E con il mi vorrei cancellare
la miseria che affligge molti popoli.

Mentre con il fa vorrei fare tante cose
per aiutare gli emarginati e gli asilanti.

Prenderei poi il sol e raccoglierei i raggi del sole
per donare un poco di luce a chi non ne ha.

Con il la poi vorrei recarmi
in quei paesi colpiti da catastrofi.

Ed infine con il Si concluderei la mia preghiera
dicendi: Signore, tu che tutto puoi,
non farli soffrire più.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 05/11/2011 08:03
    una preghiera da recitare spesso, molto spesso. bravo
  • Anonimo il 23/05/2011 10:54
    commovente e sentita... preghiera che solo persone sensibili alzare al cielo grazie e complimenti ciao marcello caro
  • Anonimo il 03/02/2010 07:39
    Molto bella la tua poesia. I miei complimenti.
  • loretta margherita citarei il 02/02/2010 20:14
    come sempre brilla il tuo cuore un saluto affettuoso a tutti voi, super fratellone
  • fabio martini il 02/02/2010 09:12
    poesia molto onesta e molto musicale... (e non per la presenza delle note... eheeh) bravo. fm

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -