PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Preghiera a uno sconosciuto

Sono un uomo
senza beni materiali,
senza persone care,
e tra breve, senza principi...
parlami perciò,
parlami come un angelo salvatore,
oppure come un diavolo tentatore,
conducimi a uno
dei tanti sentieri...

che sia una mulattiera
o una strada asfaltata,
in salita o in discesa,
che sia battuta
da cavalieri o ladroni,
o ancora verde
e vergine...

io ti ascolterò,
uomo straniero,
non per fiducia,
non per affetto,
non per amicizia...
per il bisogno
di un confidente.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 24/10/2011 23:19
    molto bella michele dovresti continuare a scrivere
  • Anonimo il 08/02/2010 04:17
    La trovo molto bella e sincera... questa voglia di una guida. Spero tu venga esaudito, dal cavaliere però e non dai ladroni
  • fabio martini il 03/02/2010 03:55
    letta e superata con sguardo inebetito...
  • Anonimo il 02/02/2010 20:00
    Bella, scorrevole, significativa. Un concetto sulla solitudine egregiamente espresso!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0