accedi   |   crea nuovo account

E

E pensandoti
e guardandoti
ragionavo.
E giocavo col bicchiere tra le dita
e guardavo le piccole onde di cognac.

Se c'è un motivo per tutto
che motivo c'era perché avessi incontrato
sulla mia strada in salita
proprio te

E così, via le catene dai miei sogni
dopo tanto
e così, nuova capacità di abbracciare
con un solo sguardo
il mondo intero.

Anche la cenere gioisce
per un solo attimo
se nasce la scintilla!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • roberto caterina il 11/08/2011 21:05
    bello il finale, bello l'andamento complessivo...
  • fabio martini il 03/02/2010 03:38
    piaciuta, sinceramente piaciuta... quell'idea del cognac nel bicchier che roteandolo si muove sul fondo di quel dito di liquido e di quella sigaretta che s'attizza all'ennesimo tiro, il tutto in una riflessione davanti al compagno che ormai quasi estraneo è diventato... il tutto in un locale fumoso di una vecchia Amsterdam... (ci ho aggiunto qualcosa ma mi ha dato un po' questa idea) brava, brava veramente. fm
  • vasily biserov il 02/02/2010 21:00
    stupendo il finale!! bella poesia!
  • Anonimo il 02/02/2010 19:43
    Finale molto significativo e bello!
  • vincent corbo il 02/02/2010 19:42
    Molto tenera: trasmette emozioni.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0