accedi   |   crea nuovo account

Inverno

silenziosamente
senza tregua, ammanta questa neve
ora che l'autunno, ha ceduto le armi alla stagione
piano ma dappertutto
acquista sovranità.
Irriducibili abetifere, ostentano impassibile distacco
fiumi di nubi, fra tortuosi picchi
rovesciano in ogni dove, fiocchi multiformi.
È l'inverno
e dietro li lui
Natale, Capodanno, Epifania e quell'istrione di Carnevale
tutti in colonna, percorrono queste freddi contrade
per portare in tempo, il testimone stagionale
a -messer- Marzo figlio della Primavera.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 03/02/2010 20:37
    e l'estate... eh?
    sembra di vedere quella nevicata... mi piace!!!
    martini... la pizza? Son passate 22 oreeeee...
  • fabio martini il 02/02/2010 22:03
    torno dopo stanno suonando per la pizza...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0